Elezioni Comunali Milano, Meloni arriva in ritardo all’evento per Bernardo e Salvini se ne va

Elezioni Comunali Milano, Meloni arriva in ritardo all’evento per Bernardo e Salvini se ne va


Lui, inizialmente, avrebbe dovuto prendere un volo per Roma: cancellato. Così ha ripiegato sul treno delle 11.26 dalla stazione di Rogoredo. Lei è arrivata alle 11.25, da Linate dritta alla periferia Sud-Est di Milano: il volo Alitalia delle 9, poi slittato alle 9.30, aveva accumulato ulteriori ritardi. Non si sono incrociati Matteo Salvini e Giorgia Meloni alla conferenza stampa del centrodestra a sostegno del candidato sindaco Luca Bernardo, unica iniziativa comune programmata in questa vigilia di voto amministrativo milanese. «Scusate il ritardo, è una campagna molto complicata, alcuni voli sono stati spostati e non sono riuscita ad arrivare per l’inizio della conferenza. Volevo esserci per ribadire il mio sostegno a Luca Bernardo», ha detto Meloni.

Scena. Star Hotel business palace. Piccolo auditorium con palco e poltroncine. Da sinistra: il rappresentante del Partito liberale europeo, Antonio Tajani (Forza Italia), il pediatra Luca Bernardo, candidato sindaco di centrodestra, Matteo Salvini, leader della Lega, e Maurizio Lupi di Noi con l’Italia. I fotografi iniziano a scattare le foto al gruppo: pollici alzati, voglia di vittoria. Un fotoreporter dice: «Ma non aspettiamo la Meloni?». Risposta di Salvini: «Se arriva…». Si attiva Ignazio La Russa: «Sta arrivando, ha avuto problemi con l’aereo». E Salvini: «Io ho un treno alle 11.26, devo andare a Roma, ho già annullato due comizi. Vabbè, iniziamo ragazzi..». Prime parole del discorso: «A me il treno non mi aspetta…».

Salvini lascia la sala alle 11.15. Dicendo: «Sennò mi lasciano a piedi». La Russa gli va incontro. Stretta di mano. Invito ai fotografi: «Fateci una foto!». Salvini si congeda: «Ci vediamo domani a Roma». Meloni arriva alle 11.25: «Scusate il ritardo, Alitalia in questi giorni ha un po’ di problemi. Non sono riuscita ad arrivare in orario ma ci tenevo comunque ad esserci per ribadire il nostro convinto sostegno al candidato. E smentire i racconti su presunte divisioni nella coalizione». E infine, l’appello: «Niente mistificazioni, niente illazioni…». Brusio in sala.

E Luca Bernardo? Stempera, smussa. Colpa dei treni, degli aerei, del traffico. Eccolo: «Ringrazio ancora una volta quella che considero la mia seconda famiglia, il centrodestra tutto schierato oggi per il rush finale in vista del primo turno. Sorrido nel leggere di che i due leader Salvini e Meloni non si sarebbero incrociati. Lo hanno spiegato chiaramente: Matteo aveva un treno che non poteva perdere, Giorgia è arrivata tardi perché in ritardo il volo. Che cosa non era chiaro? Anch’io grazie al traffico caotico dovuto alla mobilità insostenibile creata dal governo del sindaco uscente sono rimasto imbottigliato 50 minuti stamane e diciamo che questo capita tutti i giorni ai milanesi tutti».

Se vuoi restare aggiornato sulle notizie di Milano e della Lombardia iscriviti gratis alla newsletter di Corriere Milano. Arriva ogni sabato nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Basta cliccare qui.

30 settembre 2021 | 11:52

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Fonte: https://milano.corriere.it/notizie/politica/21_settembre_30/elezioni-comunali-milano-meloni-arriva-ritardo-all-evento-bernardo-salvini-se-ne-va-37e8f624-21d3-11ec-bc6c-99e19555fe91.shtml

Milano, ripartono i cantieri del metrò verso il capolinea Monza-Bettola: i primi treni dal dicembre 2024

Milano, ripartono i cantieri del metrò verso il capolinea Monza-Bettola: i primi treni dal dicembre 2024


Sono ripartiti i lavori per la realizzazione della stazione di Cinisello Balsamo del prolungamento della metropolitana 1 a Monza Bettola, che sar il nuovo capolinea verso Nord della linea rossa. Sono stati definiti gli accordi e gli impegni del Comune di Milano, Mm spa, impresa e operatore, e recuperate tutte le risorse integrative necessarie.

Il cantiere, che ha subito diversi stop, comprende la realizzazione di tre opere: oltre alla stazione M1 Cinisello Balsamo-Monza Bettola, anche il nuovo centro commerciale e tutte le infrastrutture di interscambio con un parcheggio da 2.500 posti auto, il capolinea degli autobus provenienti dalla Brianza, l’Autostrada A4 Torino-Venezia, il collegamento stradale della Rho-Monza, la superstrada di collegamento a Lecco e infine la predisposizione per il futuro prolungamento della Linea 5 a Monza. L’ultimazione dei lavori con la messa in esercizio del prolungamento della linea 1 a Cinisello Balsamo-Monza Bettola prevista entro il dicembre 2024. L’integrazione dei costi per completare l’opera stata assicurata con 15 milioni dallo Stato nella legge di bilancio approvata a dicembre 2019, altri 9,2 milioni da Regione Lombardia e 7,1 milioni dal Comune di Milano.

30 settembre 2021 | 17:21

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Fonte: https://milano.corriere.it/notizie/economia/21_settembre_30/milano-ripartono-cantieri-metro-il-capolinea-monza-bettola-primi-treni-dicembre-2024-1a69c7e4-2201-11ec-bc6c-99e19555fe91.shtml

Mino Rombolà, l’arresto del titolare del chiringuito: in fuga dalla polizia per 50 km per far colpo su una ragazza

Mino Rombolà, l’arresto del titolare del chiringuito: in fuga dalla polizia per 50 km per far colpo su una ragazza


Sabato scorso, quando i poliziotti gli hanno notificato la chiusura per dieci giorni del suo chiringuito di piazza Risorgimento, Mino Rombol ha stracciato il provvedimento della questura davanti agli occhi degli agenti. E non contento ha pure minacciato alcuni poliziotti delle volanti. Mercoled mattina, quando dopo un inseguimento durato 50 chilometri s’ schiantato con la sua Audi Q7 contro a un furgone lungo l’Autosole, invece, sceso ridendo e a torso nudo. Al suo fianco c’era una ragazza di 27 anni, la destinataria dello show durato quasi un’ora prima sulle strade intorno a corso XXII Marzo e poi in autostrada: Volevo farle vedere come si fa a seminare la polizia.

Cosmo Mino Rombol arrestato per resistenza a pubblico ufficiale

Ora il destino del 50enne Cosmo Mino Rombol, origini calabresi, precedenti di polizia, molto conosciuto nella Milano di notte, nelle mani del giudice per le direttissime del Tribunale di Lodi che dovr decidere dopo il suo arresto per resistenza a pubblico ufficiale.

L’alt in corso XXII Marzo per un controllo

Tutto accaduto all’alba di mercoled quando una volante della polizia ha intercettato l’auto di Rombol in corso XXII Marzo. Gli agenti l’hanno seguito per alcuni metri e poi gli hanno intimato l’alt per un controllo di routine. Il 50enne alla guida, insieme alla 27enne seduta sul sedile del passeggero ed estranea alle accuse, anzich fermarsi ha iniziato a dare gas e a procedere a velocit sostenuta verso la periferia. Come da prassi gli agenti si sono messi all’inseguimento e hanno chiesto rinforzi alla centrale.

Ha sfondato il casello di Melegnano

In pochi minuti un’altra volante s’ messa sulle tracce della Q7 che ha imboccato la tangenziale Est diretta verso il tronco che porta al casello di Melegnano. Una volta in vista dell’ingresso dell’autostrada A1, Rombol non ha rallentato ma anzi ha sfondato la barriera d’ingresso s’ fiondato a tutto gas verso sud. Il tutto continuando a procedere a zig zag tra le corsie. Ci sono stati attimi di forte tensione quando il Suv ha pericolosamente sfiorato le volanti che lo hanno affiancato. Nel frattempo la Stradale ha organizzato un tappo facendo rallentare il traffico pi in avanti.

L’incidente con due feriti

L’inseguimento proseguito oltre il casello di Lodi ed terminato solo all’altezza di Ospedaletto Lodigiano, alle 5.50 dopo 49 chilometri, quando l’Audi s’ schiantata contro un furgone Fiat Ducato. I due 46enni a bordo hanno riportato diverse ferite e sono stati soccorsi da due ambulanze del 118 e trasportati in codice giallo all’ospedale di Lodi. A quel punto Rombol stato fermato e ammanettato dagli agenti.

Dovr pagare i danni

Oltre all’accusa di resistenza dovr rispondere delle lesioni ai due uomini che si trovavano sul furgone. E dovr anche pagare i danni provocati alla sbarra del casello e alle volanti della polizia che sono state danneggiate dai detriti. Proprio cinque giorni prima gli agenti del commissariato Monforte Vittoria avevano eseguito il provvedimento di chiusura per 10 giorni del chiosco di piazza Risorgimento. Uno dei punti di riferimento della notte milanese. La chiusura era stata disposta dalla questura dopo risse e aggressioni tra ubriachi avvenute nelle scorse settimane e la presenza tra i clienti fissi di diversi pregiudicati.

Se vuoi restare aggiornato sulle notizie di Milano e della Lombardia iscriviti gratis alla newsletter di Corriere Milano. Arriva ogni sabato nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Basta cliccare qui.

30 settembre 2021 | 07:47

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Fonte: https://milano.corriere.it/notizie/cronaca/21_settembre_30/fuga-tutto-gas-50-km-preso-titolare-chiringuito-5492fd22-214e-11ec-924f-1ddd15bf71fa.shtml

Basket: Eurolega, AX Milano-Cska Mosca 84-74 – Lombardia


Melli super, Messina festeggia compleanno con vittoria


(ANSA) – MILANO, 30 SET – L’Ax Milano festeggia nel migliore
dei modi il 62esimo compleanno di Ettore Messina: dopo la torta
alla panna mangiata in tarda mattinata nella palestra
secondaria, l’Olimpia si prende lo scalpo del Cska Mosca nella
prima giornata di Eurolega (84-74). E il Forum, tornato a
pulsare dopo un anno e mezzo con la riapertura parziale dei
palazzetti, trova un nuovo idolo: se Melli si ripresenta ai
tifosi milanesi dopo 7 anni in maniera monumentale (15 punti e
24 di valutazione), Ricci debutta nella coppa più importante con
minuti di qualità e sostanza, bloccando il totem Shengelia e
raccogliendo un’ovazione prolungata dagli spalti.
   
Milano fatica in avvio e va sotto di 9 punti (13-21), complice
anche la raffica di liberi (10) tirati in pochi minuti dagli
ospiti. Ma Melli e l’esordiente Hall (11) ricuciono lo scarto
con l’americano che firma il sorpasso sul 43-40. Le squadre non
si risparmiano e si scambiano mini-parziali in una gara dai
ritmi concitati e contatti duri (ne fa le spese Milutinov, out
per una torsione del ginocchio): Shields (17), Hines (13) e
Rodriguez (17, per lui 300esima presenza in Eurolega) aumentano
i colpi e infilano il break giusto a cavallo tra il terzo e
quarto periodo (74-63 al 35′) e l’Olimpia non si volta più
indietro, anche grazie ad una difesa che tiene i campioni di
Russia ad appena 29 punti nella ripresa. Per la gioia di Giorgio
Armani e dei circa 4mila spettatori del Forum. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA