Quanti soldi ha stanziato regione Lombardia per gli hotel covid



A.V.

30 giugno 2021 18:38


Ecco i soldi. Mercoledì pomeriggio la giunta regionale, su proposta dell’assessore al welfare, Letizia Moratti, ha approvato una delibera che stanzia i fondi per i rimborsi alle strutture alberghiere che durante l’emergenza coronavirus erano state trasformate in veri e proprio covid hotel. 


Il Pirellone ha messo a disposizione 9,3 milioni di euro, che adesso saranno distribuiti tra i 17 alberghi in tutta la regione che avevano risposto al bando e che avevano concesso le proprie stanze ai cittadini con sintomi lievi o asintomatici che non potevano rispettare l’isolamento nella propria abitazione. Ma non solo. Perché anche dopo la prima e la seconda ondata, quegli stessi hotel sono stati utilizzati – ha sottolineato la giunta in una nota – “per ospitare i soggetti indicati nelle ordinanze del ministero della Salute, per l’isolamento di dieci giorni, a seguito del rientro da India, Bangladesh o Sri Lanka, e l’erogazione di tamponi covid da parte delle Ats sul cui territorio insistono aeroporti”.


“Sempre guardando alle indicazioni ministeriali relative a soggetti di rientro da questi Paesi, regione Lombardia – ha chiarito il Pirellone in una nota – ha poi impegnato 600.000 euro per i tamponi effettuati negli aeroporti di Milano, Milano Malpensa e Bergamo”. 


“Le Ats – ha chiarito la regione – provvederanno ora all’effettiva rendicontazione dei costi sostenuti dalle strutture e nelle prossime settimane si provvederà all’erogazione dei rimborsi”.



“Come già a marzo – ha sottolineato Letizia Moratti – con i riconoscimenti all’attività svolta nel 2020, regione Lombardia ha confermato il supporto alle Ats che hanno garantito la copertura delle attività degli hotel che si sono resi disponibili a ospitare soggetti positivi o in quarantena. Un importante riconoscimento che testimonia l’impegno di tutti, specie quando si sono ripresentate necessità urgenti”.







Fonte: https://www.milanotoday.it/attualita/soldi-covid-hotel.html

Lascia un commento