Milano, ai detenuti la cura del verde del Bosco di Rogoredo: «Così favoriamo il reinserimento sociale»


La cura del Bosco di Rogoredo (e non solo) ai detenuti. Il Comune di Milano stipulerà un protocollo d’intesa con il ministero della Giustizia per coinvolgere i carcerati (che ne faranno richiesta) in attività di tutela e valorizzazione del patrimonio cittadino, in particolare quello verde. L’obiettivo è, come spiega una nota di Palazzo Marino, «favorire il reinserimento sociale, dare ai detenuti un’opportunità di formazione e recupero rieducativo, anche in una prospettiva di un avvicinamento al mondo del lavoro».

Si partirà con il coinvolgimento diretto di 20 detenuti all’anno (il protocollo avrà durata triennale) nelle attività di associazioni di volontariato e del terzo settore che già operano nelle zone individuate per potenziare interventi di gestione ordinaria e straordinaria di aree pubbliche verdi, a partire dal parco di Porto di Mare, nel quartiere di Rogoredo e Santa Giulia. «Prima di iniziare il lavoro, i volontari verranno inseriti in un percorso formativo e di orientamento volto a sviluppare le competenze necessarie per poter svolgere la mansione di operatore del verde, attraverso una parte di formazione teorica e una successiva di tirocinio».

Se vuoi restare aggiornato sulle notizie di Milano e della Lombardia iscriviti gratis alla newsletter di Corriere Milano. Arriva ogni sabato nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Basta cliccare qui.

30 giugno 2021 | 16:01

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Fonte: https://milano.corriere.it/notizie/cronaca/21_giugno_30/milano-detenuti-cura-verde-bosco-rogoredo-cosi-favoriamo-reinserimento-sociale-ad1047c0-d9aa-11eb-9b34-ea2fae57adbd.shtml

Lascia un commento