Il teschio di “Dragon Man”, scoperto in Cina, si aggiunge all’albero genealogico dell’uomo

La scoperta di un nuovo cranio che risale a più di 140.000 anni fa potrebbe alterare radicalmente la nostra comprensione dell’evoluzione umana, dicono alcuni scienziati.

Un teschio conservato quasi perfettamente per oltre 140.000 anni nel nord-est della Cina rappresenta una nuova specie di antico popolo più strettamente imparentato con noi persino dei Neanderthal e potrebbe alterare radicalmente la nostra comprensione dell’evoluzione umana, hanno annunciato gli scienziati venerdì. Apparteneva a un maschio con un cervello grande sulla cinquantina con occhi infossati e arcate sopraccigliari spesse. Sebbene il suo viso fosse ampio, aveva zigomi piatti e bassi che lo facevano assomigliare alle persone moderne più da vicino di altri membri estinti dell’albero genealogico umano.
“Il teschio di Harbin è il fossile più importante che ho visto in 50 anni. Dimostra quanto siano importanti l’Asia orientale e la Cina nel raccontare la storia umana”, ha affermato Chris Stringer, leader della ricerca sulle origini umane presso il Natural History Museum di Londra e coautore della ricerca. I ricercatori hanno chiamato il nuovo ominide Homo longi, che deriva da Heilongjiang, o fiume del drago nero, la provincia in cui è stato trovato il cranio. Il team prevede di vedere se è possibile estrarre proteine ​​antiche o DNA dal cranio, che includeva un dente, e inizierà uno studio più dettagliato dell’interno del cranio, osservando i seni e la forma dell’orecchio e del cervello, utilizzando le scansioni TC.
Il team di ricerca ha collegato l’esemplare ad altri reperti fossili cinesi e sta chiamando la specie ‘Homo longi’ o “Dragon Man”, un riferimento alla regione in cui è stato scoperto. Il cranio di Harbin è stato trovato per la prima volta nel 1933 nella città con lo stesso nome, ma secondo quanto riferito è stato nascosto in un pozzo per 85 anni per proteggerlo dall’esercito giapponese. Successivamente è stato dissotterrato e consegnato a Ji Qiang, professore all’Università di Hebei GEO, nel 2018.

L’articolo Il teschio di “Dragon Man”, scoperto in Cina, si aggiunge all’albero genealogico dell’uomo proviene da MI-LORENTEGGIO.COM..

Fonte: https://www.mi-lorenteggio.com/il-teschio-di-dragon-man-scoperto-in-cina-si-aggiunge-allalbero-genealogico-delluomo/

Lascia un commento