Pallanuoto: Champions; Pro Recco a rullo, storica AN Brescia – Lombardia


Entrambe le formazioni italiane approdano in semifinale


(ANSA) – ROMA, 03 GIU – Continua la marcia in Champions delle
italiane. Entrambe approdano in semifinale della massima
manifestazione continentale nel corso della final eight a
Belgrado. Se la Pro Recco è alla ricerca del suo nono alloro
continentale (l’ultimo nel 2015), l’AN Brescia dimostra grande
condizione dopo il tricolore e centra la sua prima semifinale
della storia. Parte la formazione di Hernandez, dieci successi
su dieci nelle fasi preliminari, e si mette alle spalle ansie e
paure della finale scudetto persa dopo 15 anni a discapito
dell’AN Brescia dominando i tedeschi del Waspo Hannover per 16-9
(parziali 5-2, 4-3, 1-2, 6-2) nel primo quarto di finale. Ora la
semifinale contro i greci dell’Olympiacos o gli spagnoli del
Barceloneta in programma venerdì 4 giugno alle 18. Due anni fa i
liguri uscirono in semifinale proprio contro gli ellenici, che
erano i campioni in carica avendoli già battuti in finale a
Genova e che sono i finalisti uscenti, sconfitti solo ai rigori
della Telekom Budapest che intanto ha eliminato i francesi del
CN Marsiglia per 14-6.
   
Il match è stato ben saldo nelle mani dei biancocelesti che
trovano Ivovic miglior marcatore della partita (cinque reti).
   
Tedeschi avanti solo all’inzio, poi il parziale di 4-0 nel primo
tempo che scava già il solco. Luongo in superiorità regala il
massimo vantaggio nel secondo tempo (8-3). Poi gli avversari
restano sempre a galla fino al 7-10 firmato dal bomber
montenegrino, ex Canottieri Napoli, Darko Brguljan. Il 6-2 del
quarto tempo è inequivocabile e la caccia alla nona è partita
ufficialmente.
   
Poi il turno dei campioni d’Italia dell’AN Brescia: la
formazione di Bovo, che non ha mai vinto la coppa più
prestigiosa, e con l’assenza pesante di Edoardo Di Somma
(lesione al tendine del pollice destro che l’aveva già costretto
a saltare gara-4 della finale scudetto col Recco) e Vlachopoulos
e Christian Presciutti a mezzo servizio, batte lo Jug Dubrovnik
12-10 (parziali 2-3, 3-3, 3-3, 2-3) in un match condotto sin
dalle prime battute. Ora in semifinale venerdì alle 20.30 il
Ferencvaros campione in carica. Si alza l’asticella per
coltivare un sogno che appare meno proibito. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA