COVID: il punto in Lombardia – Lombardia


Statale di Milano, nuovo tipo di vaccino con tecnica diversa


(ANSA) – MILANO, 01 GIU – Con 35.716 tamponi eseguiti è di
461 il numero di nuovi casi di Coronavirus registrati in
Lombardia, una percentuale di poco al di sotto dell’1,3%. Sono
220 i ricoveri in terapia intensiva (-14 meno) e 1.051 negli
altri reparti (+22). Sono nove i decessi che portano il totale
da inizio pandemia a 33.620.
   
Dati che confermano “la discesa dei contagi”, come ha
constatato il presidente della Regione Lombardia Attilio
Fontana, secondo il quale “la zona bianca si avvicina e
finalmente potremmo anticipare anche l’abolizione del
coprifuoco”.
   
Prosegue intanto la campagna vaccinale e dalle ore 23 di
domani tutti i lombardi appartenenti alla fascia 12-29 anni
potranno prenotare la propria vaccinazione. Lo ha reso noto la
vicepresidente della Regione Lombardia e assessore al Welfare,
Letizia Moratti.
   
A proposito di vaccini, si aprono nuovi scenari nella lotta
al Covid. Si chiama LeCoVax2 il vaccino anti-Covid sviluppato
dall’Università Statale di Milano, che negli studi preclinici
sui topi ha mostrato di indurre la produzione degli anticorpi
neutralizzanti del virus SarsCov2. Si tratta di un vaccino
diverso da quelli attualmente in uso per meccanismo d’azione,
conservazione e distribuzione. I ricercatori hanno già
depositato due brevetti lo scorso febbraio. I vaccini ora
somministrati (che sono con Rna o virus modificati) prevedono la
produzione di proteine del virus nelle cellule dei vaccinati.
   
LeCoVax2 invece si basa su un microrganismo unicellulare
modificato, capace di produrre e trasportare le proteine virali
che fungono da antigeni e possono stimolare la produzione di
anticorpi nel vaccinato. Il microorganismo che aiuta, agendo
come una ‘micro-fabbrica di proteine’, è la Leishmania
tarentolae, non patogena per l’uomo (e che non c’entra nulla con
quella dei cani) somministrabile in forma inattivata. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA