Sesto San Giovanni, il nuovo volto della stazione firmata Renzo Piano: una passerella con negozi e servizi per «ricucire» i quartieri


Le ruspe sembrano quasi sfiorare i treni che continuano a circolare come niente fosse. Oltre il finestrino, sui terreni che un tempo erano il cuore industriale dell’ex Stalingrado alle porte di Milano, si costruirà la nuova Sesto San Giovanni. Il primo passo è già iniziato, proprio a ridosso dei binari. E porta la firma illustre di Renzo Piano. Sotto il sole cocente, i mezzi pesanti e gli operai stanno facendo spazio alla nuova stazione ferroviaria. Sarà la porta al quartiere che verrà. Vetro e acciaio. E una piazza sopraelevata che dovrà ricucire due pezzi di Sesto che per decenni si sono visti da lontano: il lato di piazza 1° Maggio e le aree ex Falck.

shadow carousel


Il progetto della stazione firmato da Renzo Piano

Un cantiere lungo due anni. Il progetto (di Renzo Piano Building Workshop con Ottavio Di Blasi & Partners) prevede una passerella di 89 metri di lunghezza per 18 di larghezza, sospesa al di sopra della linea ferroviaria, con una grande copertura vetrata fotovoltaica.

All’interno una «galleria» dedicata allo shopping e ai servizi per i viaggiatori. Nel 2022, la prossima tappa: apriranno i cantieri del lotto «Unione Zero» (residenze, studentato, spazi commerciali e uffici), quelli della Città della Salute e della ricerca progettata da Mario Cucinella e per la prima metà del parco.

Se vuoi restare aggiornato sulle notizie di Milano e della Lombardia iscriviti gratis alla newsletter di Corriere Milano. Arriva ogni sabato nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Basta cliccare qui.

15 agosto 2021 | 07:52

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Fonte: https://milano.corriere.it/notizie/cronaca/21_agosto_15/sesto-san-giovanni-nuovo-volto-stazione-passerella-negozi-servizi-ricucire-quartieri-14116fb8-fd8b-11eb-8de4-67a1db43b09a.shtml

Lascia un commento