Lodi, a fuoco un trasformatore nella centrale ex Enel di Tavazzano e un ripetitore Telecom


A fuoco un trasformatore: fiamme nella centrale ex Enel di Tavazzano, a pochi chilometri da Lodi e una delle centrali termoelettriche più grandi della Bassa Lombardia. La chiamata di soccorso ai vigili del fuoco è arrivata intorno alle 2 del mattino di venerdì 13 agosto all’interno del perimetro dell’impianto lungo la via Emilia e immediatamente è scattato l’allarme. Prima di dare il via alle operazioni di spegnimento è stata tolta la tensione alla centrale: sul posto i vigili del fuoco di Lodi hanno contenuto le fiamme con autobotte e autopompa ma alle prime ore del mattino di venerdì le operazioni di raffreddamento erano ancora in corso.

La stessa EP produzione, proprietaria della centrale costruita negli anni Ottanta da Enel, precisa che anche durante le operazioni di spegnimento l’impianto è rimasto funzionante e che i rischi sono stati contenuti. Le cause del rogo a quanto sembra sono accidentali.

Tre ore più tardi, intorno alle 5, seconda chiamata di soccorso per l’incendio di un ripetitore Telecom a Zelo Buon Persico (Lodi), a pochi chilometri in linea d’aria da Tavazzano. In questo caso incendio più contenuto — e tra le cause il caldo estremo e un picco di energia dovuto al rogo del trasformatore nella vicina centrale — ma i carabinieri vogliono comunque vederci chiaro. E hanno acquisito le immagini del sistema di video sorveglianza comunale. L’ipotesi del dolo non è esclusa, anche perché su un muro vicino sono state trovate scritte anti 5G e anti Green pass. Anche se le scritte sembrano vecchie di diversi giorni, i carabinieri e la polizia locale hanno deciso comunque di indagare.

13 agosto 2021 | 12:56

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Fonte: https://milano.corriere.it/notizie/lombardia/21_agosto_13/lodi-fuoco-trasformatore-centrale-ex-enel-tavazzano-ripetitore-telecom-22476e94-fc22-11eb-8688-4f0a0f230e1f.shtml

Lascia un commento