La saga dei Maspero, i «Maldini» di Lodi: tre generazioni di calciatori al Fanfulla (con Ricky eroe del Toro nel 2001)


A Milanello ci sono i Maldini. Alla Dossenina i Maspero. Come a Casa Milan, anche a Casa Fanfulla va di moda la saga famigliare. Al Milan inizi Cesare, alzando la prima Coppa dei Campioni mai vinta da una squadra italiana. A Lodi l’equivalente era Marco, il capostipite dei Maspero, storico dirigente e occhio fino per il settore giovanile dei bianconeri per oltre un decennio, scomparso pochi anni fa. A prendere il testimone di pap Cesare, a Milanello, stato Paolo (totem rossonero con cinque Champions sollevate di cui due da capitano) seguito dal figlio Daniel oggi in prima squadra. A Lodi i figli di Maspero erano due, Aldo e Riccardo detto Ricky. Entrambi legati al Fanfulla. Difensore roccioso il primo, fece tutta la trafila giovanile in bianconero.

shadow carousel


I Maspero, tre generazioni al Fanfulla di Lodi

Fantasista in serie A il secondo, Ricky Maspero. Inizi bambino in bianconera una carriera esplosa tra Cremonese, Samp (con Mancini e Lombardo, fra gli altri) e Toro fino all’apoteosi del derby della Mole del 14 ottobre 2001 vissuto da protagonista: prima mettendo il suggello alla rimonta da 0-3 a 3-3 e poi con il famoso scavetto sotto il dischetto del rigore che fece sbagliare a Salas il colpo del possibile 4-3 guadagnando la gratitudine eterna dei fans granata. Anche Ricky Maspero chiuse la carriera nel suo Fanfulla, due campionati in D prima del ritiro.

E ora anche il figlio Niccol (nonch nipote di Marco) ha firmato per l’approdo alla squadra lodigiana, che quest’anno ha fallito nei playoff il possibile ritorno in C. La terza generazione in bianconero, il Fanfulla un affare di famiglia. I Maspero fin dagli anni Settanta in un modo o nell’altro hanno legato il loro nome alla squadra di Lodi. Un’emozione vedere Niccol indossare la maglia del Fanfulla, quando possibile lo accompagner io agli allenamenti, racconta Ricky, oggi allenatore nella Bergamasca. Niccol ha seguito le sue orme calcistiche ( un numero dieci naturale come me, racconta con orgoglio).

Il Fanfulla per noi un affare di cuore e prima o poi spero di tornarci pure io, come allenatore, aggiunge Aldo, anche lui diventato allenatore nelle categorie dilettanti. Al Fanfulla sfior la conquista della C1 nel 1981: veniva dalla Berretti e fece panchina in prima squadra, poi and a giocare nelle province vicine. Il pi contento Niccol, 21 anni e trequartista: ha firmato a inizio agosto e giocher in bianconero la prossima stagione, in serie D, sperando di conquistare quella serie C che a Lodi manca da met anni Ottanta. Quest’anno ci siamo andati vicini – dice lui -, il prossimo campionato mi auguro sia quello giusto. Per me sar una bellissima esperienza e un onore tornare a Lodi, dove mio nonno diresse il settore giovanile per tanti anni.

Se vuoi restare aggiornato sulle notizie di Milano e della Lombardia iscriviti gratis alla newsletter di Corriere Milano. Arriva ogni sabato nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Basta cliccare qui.

6 agosto 2021 | 14:31

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Fonte: https://milano.corriere.it/notizie/lombardia/21_agosto_06/saga-maspero-maldini-lodi-tre-generazioni-calciatori-fanfulla-con-ricky-eroe-toro-2001-eba78cd6-f6ac-11eb-a5f5-12ec0bccb575.shtml

Lascia un commento