Vaccini Lombardia, consegnate un milione di dosi in meno a luglio Le forniture frenano la corsa


La discesa iniziata. Il salto dalle oltre 104mila somministrazioni anti-Covid di marted alle 77mila di mercoled segna l’inizio di una curva verso il basso, che si stabilizzer prima a 30mila iniezioni in meno al giorno rispetto alla media delle centomila cui la macchina lombarda ci ha abituati, e poi a meno 40-50mila. Il motivo? Non le prenotazioni (che, anzi, corrono: lo vedremo), quanto le consegne. Al netto degli annunci rassicuranti nelle ultime settimane riguardo alle dosi aggiuntive che hanno permesso di aprire le agende e inserire nuovi slot, il saldo a fine mese impietoso: la Lombardia a luglio ha ricevuto un milione di dosi in meno rispetto a giugno.

Il grosso del taglio riguarda i vaccini a mRNA, e in particolare quelli Pfizer, i pi utilizzati in questo momento. E anche il monodose Janssen. A giugno la Regione ha ricevuto in totale 3,2 milioni di vaccini, di cui 2,2 milioni Pfizer, 287 mila Moderna, 142 mila Janssen e 562 mila Vaxzevria. A luglio ne arrivato un milione in meno: 2.204.358 in totale. Il taglio pi evidente quello di Pfizer, di cui a luglio sono giunti 1,4 milioni di vaccini; meno di 35 mila Janssen e 360 mila Vaxzevria. Appena ammortizzati da una consegna pi consistente di Moderna: 373 mila.

Oggi nelle casse regionali ci sono meno di 300 mila vaccini, di cui poco pi di 182 mila tra Pfizer e Moderna, quelli somministrati a chi ha meno di 60 anni. Dovranno bastare fino a marted, quando arriver una consegna di 110 mila Moderna, seguita mercoled da 352mila Pfizer. Ecco perch il numero delle somministrazioni giornaliere calato e cos di quelle programmate nei prossimi giorni. Anche ieri ne erano programmate 70-75mila, fa sapere il Welfare. Che ammette: C’erano dei momenti in cui si poteva andare in sofferenza: questa una settimana critica, perch si arriva al pelo, con giacenze ridotte e nell’attesa di nuovi arrivi. Come si prosegue? Si rimarr sulle 70-75mila al giorno fino al primo agosto; si supereranno nuovamente le 80mila a inizio agosto per poi scendere la settimana prima di Ferragosto attorno alle 50-60 mila. Queste sono le iniezioni programmate: a queste si aggiungono ogni giorno i non prenotati e vaccinati comunque (gli over 60 possono presentarsi autonomamente in qualsiasi hub e ricevere il vaccino).

Le programmazioni, nel frattempo, corrono. Dopo cinque mesi di campagna vaccinale, iniziata a febbraio con gli over 80, all’appello mancano (solo) 2 lombardi su 10. L’81% della popolazione dai 12 anni in su, quindi vaccinabile, ha prenotato il proprio turno per l’inoculazione anti-Covid. Il 75% ha ricevuto almeno una dose e il 62% la vaccinazione completa. Corrono tutte le fasce d’et: in testa proprio quei ragazzi che prima titubavano. Spinti dal Green pass (il cui decreto stato approvato il 22 luglio) e della ripresa scolastica, le prenotazioni crescono di oltre dieci punti percentuali di settimana in settimana: osservavamo il 53% di adesioni tra i 12-19enni una settimana fa, proprio il 22 luglio. Dopo sette giorni, ieri erano saliti al 64% della popolazione. Crescono visibilmente anche i ventenni, dal 75 all’80%.

Intanto l’accordo con la Liguria entra nel vivo: dalle 12 di oggi i lombardi in vacanza possono prenotarsi sul portale ligure per vaccinarsi con seconda dose, ha annunciato il governatore Giovanni Toti.

Se vuoi restare aggiornato sulle notizie di Milano e della Lombardia iscriviti gratis alla newsletter di Corriere Milano. Arriva ogni sabato nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Basta cliccare qui.

30 luglio 2021 | 07:08

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Fonte: https://milano.corriere.it/notizie/cronaca/21_luglio_30/vaccini-lombardia-consegnate-milione-dosi-meno-luglio-forniture-frenano-corsa-53ac3df2-f0a1-11eb-9f04-73cbb9ab1451.shtml

Lascia un commento