Prostituta uccisa a coltellate, il convivente confessa l’omicidio


Erano bastate 12 ore ai carabinieri della compagnia di San Donato per risalire al convivente, ex pregiudicato e disoccupato, nella loro abitazione di Milano e arrestarlo. Marted Kipe finalmente crollato, ammettendo di aver ucciso l’ex convivente per gelosia. Dal giorno dell’arresto Kipe aveva invece sempre professato la sua innocenza, affermando di non essersi mai mosso da Milano e di aver trascorso la giornata al bar. Aveva negato ogni addebito sia durante l’interrogatorio di garanzia del gip, durato un’ora e mezza, che nei successivi interrogatori, nonostante le prove a suo carico fossero evidenti. Kipe, sprovvisto d’auto, era arrivato a Melegnano da Corvetto usando i mezzi pubblici e il treno. Era stato visto aggredire l’ex compagna da automobilisti (uno dei quali lo aveva anche filmato mentre si allontanava a piedi) e i suoi movimenti erano stati ricostruiti dagli inquirenti usando anche le telecamere delle stazioni lungo la linea suburbana S1.

27 luglio 2021 | 19:52

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Fonte: https://milano.corriere.it/notizie/cronaca/21_luglio_27/prostituta-uccisa-coltellate-convivente-confessa-l-omicidio-d385a802-ef01-11eb-b948-65ef1640acca.shtml

Lascia un commento