Lago di Como, l’Isola Comacina torna visitabile: fu del re del Belgio, tornerà casa degli artisti


Italiana da un secolo. Centouno anni, per la verit, visto che l’emergenza Covid ha fatto slittare la celebrazione per ricordare la restituzione dell’Isola Comacina da Alberto Primo re del Belgio all’Italia. Era il 1920 e ora una targa ricorda il momento in cui sull’isola nel lago di Como tornato a sventolare il Tricolore.

La storia dell’Isola Comacina millenaria ed considerata uno dei principali siti archeologici dell’Italia del nord per il periodo dell’alto Medioevo. Nel 1919, l’allora proprietario cavalier Augusto Giuseppe Caprani, nel suo testamento aveva deciso di lasciare la sua propriet al re del Belgio, che poi per l’aveva restituita allo Stato italiano, a condizione che diventasse un centro di ricerca artistica e culturale a disposizione delle maggiori istituzioni di formazione dei due Paesi. stato l’avvio di una collaborazione che prosegue da un secolo e che ha tra i protagonisti in particolare l’Accademia delle Belle Arti di Brera di Milano — con la presidente Livia Pomodoro, alla guida anche della Fondazione Isola Comacina — e le Comunit linguistiche belghe, francofona e fiamminga. Le Case per artisti, un progetto dell’architetto Piero Lingeri, sono il simbolo di quella che diventata appunto una colonia artistica.

La cerimonia per il centenario non ha solo un valore simbolico — sottolinea Mauro Guerra, sindaco di Tremezzina —. stata un’occasione per rinsaldare il rapporto con il Belgio e condividere la volont di aprire una nuova fase di ulteriore valorizzazione comune dell’Isola, nel segno della sua vocazione internazionale, fondata sui rapporti in campo artistico e culturale. Abbiamo voluto saldare ancora pi fortemente i legami tra le istituzioni belghe ed italiane per tutelare questo territorio incontaminato — ha aggiunto Frank Carruet, ambasciatore del Belgio in Italia —. L’Isola Comacina la testimonianza di una storia secolare, pi di un museo a cielo aperto, un luogo dove la storia e la creazione contemporanea si incontrano e dialogano.

Almeno per questa stagione, difficilmente si rivedranno gli artisti. L’emergenza sanitaria inevitabilmente ha fermato tutto, ma stiamo lavorando ai bandi per fare in modo che al pi presto possano ripartire anche le attivit degli artisti, ampliandole anche in altri spazi del Comune – aggiunge Guerra –. Intanto riprendono le visite guidate e i collegamenti con l’Isola. Ma abbiamo deciso di rilanciare anche un percorso di ulteriore studio dell’Isola dal punto di vista archeologico e di interesse storico, con la ripresa di ispezioni subacquee.

Rester chiusa la storica Locanda dell’Isola, un approdo fisso per comaschi e turisti, frequentata negli anni da star come Silvester Stallone, Robert De Niro o Bruce Springsteen, oltre che dal divo di casa George Clooney. Un contenzioso tra Benvenuto Puricelli, che gestiva il locale da oltre 40 anni e la Fondazione Isola Comacina impedir la riapertura, almeno per questa stagione. La mediazione non andata in porto purtroppo e si apre il processo per il contenzioso sulla gestione –— dice Puricelli —. Decideranno i giudici e intanto rimarr tutto chiuso e non ci sar un punto per la ristorazione. una tradizione che si sta perdendo, partiremo con una raccolta firme per sollecitare una soluzione.

10 giugno 2021 | 07:34

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Fonte: https://milano.corriere.it/notizie/lombardia/21_giugno_10/isola-comacina-torna-visitabile-fu-re-belgio-tornera-casa-artisti-6d4e6746-c953-11eb-84dd-759b0ada817b.shtml

Lascia un commento