«Lezioni ed esami all’aperto, una svolta verde»- Corriere.it


Seguire lezioni e dare esami fuori dall’aula, nel verde, fra un parco di betulle e il biolago. Non è una sperimentazione. È il programma dell’università di Milano Bicocca. Svolta green accelerata da una pandemia che ha spostato in esterni non soltanto gli spazi di bar e ristoranti. E sfida di un ateneo dove nei mesi del lockdown professori e studenti hanno iniziato a ripensare il campus e il modo di viverlo: «Le università devono avere il coraggio di cambiare, e noi siamo i primi a organizzare anche le lezioni en plein air», dice la rettrice Giovanna Iannantuoni, davanti al cantiere per un nuovo edificio del campus, posa della prima pietra il 10 giugno. Mostra il progetto, racconta qual è l’«idea nuova di università» e spiega che il piano è già avviato. L’ateneo ha inaugurato in autunno il Vivaio, 8 mila metri quadrati di verde dove i professori hanno iniziato a tenere lezioni. Anche alcuni cortili sono stati trasformati con postazioni per gli studenti fra gli alberi. E nel 2023 aprirà l’edificio U10: «Un terzo di costruito e due terzi a verde — sottolinea —. Così un campus cambia davvero».

L’università en plein air. Rettrice, da dove siete partiti? «La pandemia ci ha fatto riflettere sugli spazi. La vita nel campus va vissuta soprattutto all’esterno e migliora anche l’apprendimento: meno stress, sale la motivazione. Sulla scia anche di atenei internazionali con molto verde, da Cambridge e Oxford, abbiamo progettato un edificio con aule e residenze in un Bosco urbano, area verde di due ettari. E puntiamo sulla didattica all’aperto: lezioni ed esami, per tutti i corsi, da Economia a Giurisprudenza. Avremo anfiteatri didattici immersi in un bosco planiziale, davanti a un biolago con anfibi e libellule e su ampie terrazze con pergolati coperti ci saranno postazioni smart per collegare i device. Si potrà stare all’aperto tutto l’anno, come nei dehors riscaldati. Non soltanto: il parco sarà aperto alla città, così come il Vivaio. In un anno e mezzo di pandemia l’ateneo ha mostrato così la sua resilienza».

Altri traguardi per la ripresa?«Puntiamo sempre più su ambiente e sostenibilità. Abbiamo incentivato la mobilità dolce, creando velostazioni e colonnine di ricarica il numero di studenti che arriva in bici è raddoppiato, e continua anche la nostra campagna per l’acqua, ogni matricola riceve una borraccia, c’è un erogatore ad ogni piano. Per questa ripartenza poi si è investito ancora sulla ricerca».

Dopo mesi di pandemia, lezioni a distanza e campus svuotati, qual è oggi il suo messaggio per gli studenti?«Li aspettiamo in università. Tanti fuorisede avevano lasciato Milano, l’invito è a tornare. Con turni e prenotazione su App tutti andranno in aula».

6 giugno 2021 | 09:51

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Fonte: https://milano.corriere.it/notizie/cronaca/21_giugno_06/milano-rettrice-iannantuoni-dell-universita-bicocca-lezioni-ed-esami-all-aperto-svolta-verde-524e0e3a-c69a-11eb-82e4-654726b05a64.shtml

Lascia un commento