Vaccini in Lombardia, si va verso l’immunità di comunità- Corriere.it


Ora che la Lombardia ha iniziato a correre con le vaccinazioni anti-Covid, la vicepresidente Letizia M0ratti pone un nuovo obiettivo: l’immunit di comunit. La marcia a buon punto. Con altre 500 mila adesioni e un ritmo deciso di somministrazione, si potrebbe conquistare il traguardo. Dopo nonni e genitori, anche i giovani dai 12 ai 29 anni sono chiamati a proteggersi contro il virus. Le loro prenotazioni, al via dal 2 giugno, continuano a salire e ieri sera avevano sfondato quota 600 mila. Sommate ai s gi incassati da chi ha avuto priorit nelle iniezioni (fragili, medici, infermieri) si arriva a oltre 820 mila under 30 pronti a farsi vaccinare o gi immunizzati, il 47 per cento del totale.

Pi si torna indietro con l’anno di nascita e pi cresce la quota dei pro-vax. Nell’ultimo report regionale aggiornato a ieri mattina si vede che ha aderito alla campagna il 63 per cento dei trentenni, il 69 per cento dei 40enni e via via a salire, fino al 95 per cento degli ottantenni e al 100 per cento di chi ha spento 90 candeline. Allarghiamo lo sguardo. Secondo l’Istat al primo gennaio la Lombardia contava poco meno di 10 milioni di residenti. Non tutti possono richiedere la puntura anti-Covid: al momento non ci sono farmaci approvati per i bambini con meno di 12 anni. La platea di vaccinabili scende cos a 8 milioni e 944 mila persone. Tra loro, hanno prenotato l’iniezione 6 milioni e 482 mila cittadini. Un buon risultato, da migliorare per per arrivare all’obiettivo nominato dalla vicepresidente Moratti. Quasi 6,5 milioni di lombardi hanno detto s al vaccino, il 72 per cento degli aventi diritto — ha scritto venerd sul suo profilo Twitter —. Con altre 500mila adesioni la Lombardia raggiunger il tetto non solo simbolico del 70 per cento dell’intera popolazione. Aderiamo e convinciamo gli indecisi per scacciare il virus dalla nostra comunit. Un concetto ribadito ieri, in un altro messaggio affidato ai social network: Ci avviciniamo velocemente a toccare il 70 per cento della popolazione vaccinata. Una percentuale che significherebbe il raggiungimento dell’immunit di comunit.

Di che si tratta? Il termine descrive la situazione in cui si vaccinato un numero di persone tale da frenare la circolazione del virus. In questo modo viene protetto anche chi non ha ricevuto l’iniezione per motivi di salute o chi ha basse difese immunitarie. Difficile dire con precisione quale sia questa soglia per il Covid-19. La quota del 70 per cento considerata sufficiente a ridurre la replicazione del Covid. Quanti sono gli immunizzati oggi? Un quarto dei vaccinabili, circa 2,2 milioni di persone. Mentre sono 4,3 milioni i protetti con almeno una dose (tutti i vaccini tranne Janssen ne prevedono due). Quando in sette milioni avranno completato il ciclo vaccinale, si arriver all’immunit. La Regione come tappa intermedia ha fissato il 30 luglio: per quella data intende garantire un’iniezione a tutti coloro che la vorranno.

La campagna si rivolge a tutti, anche a chi in situazioni precarie. Luned inizieranno le somministrazioni ai senzatetto in alcuni dormitori del Milanese. Il servizio organizzato da Areu con la sanit militare e altri medici e infermieri delle strutture di accoglienza. Inoltre saranno immunizzati a breve gli stranieri in attesa di definizione delle procedure di emersione e quelli temporaneamente presenti in Italia.

6 giugno 2021 | 08:33

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Fonte: https://milano.corriere.it/notizie/cronaca/21_giugno_06/vaccini-lombardia-si-va-l-immunita-comunita-d5fa6b3a-c63a-11eb-8929-1e7e5315cef2.shtml

Lascia un commento